Archive for 2018

On gennaio 31, 2018

Spienergy nuovo main partner della Gran Fondo Tarros Montura


Spienergy, fornitore di energia elettrica e gas a imprese e famiglie con sede a La Spezia, diventa nuovo main partner della Gran Fondo Tarros Montura a partire dall’edizione 2018. Il legame con il territorio, l’energie green e la passione per le due ruote sono gli elementi cruciali che hanno spinto Spienergy a legarsi all’evento ciclistico unico nel panorama delle 5 Terre. A sancire la partnership è Alberto Musso, CEO di Tarros, da oltre 20 anni a capo del board decisionale della Gran Fondo. 

La Spezia, 29 gennaio 2018

La Gran Fondo Tarros Montura acquisisce spessore, grazie all’ingresso di nuove importanti realtà locali. Dal 2018 Spienergy, società energetica che fonda le proprie radici nella provincia della Spezia, si lega attraverso una partnership biennale all’Unica Gran Fondo delle 5 Terre, evento ciclistico in grado di coinvolgere ogni anno oltre 1500 persone dall’Italia e dall’estero.

LA NUOVA PARTNERSHIP

Spienergy sceglie lo sport, nella fattispecie le due ruote, da sempre considerate il mezzo “green” per eccellenza, per trasmettere i propri valori e la propria visione. Così come nel ciclismo, anche in Spienergy il lavoro di squadra, il metodo e le prestazioni individuali rappresentano un aspetto fondamentale per il raggiungimento degli obiettivi prefissati.

Tutti questi elementi, in aggiunta al legame con il territorio, hanno portato Spienergy a scegliere la Gran Fondo Tarros Montura come l’evento che sancisca l’ingresso nel mondo del ciclismo della società energetica. Spienergy entra così tra i grandi cambiamenti che dal 2018 accompagnano la Gran Fondo spezzina, giunta alla sua 23ª edizione e ad oggi principale evento ciclistico della provincia della Spezia.

All’interno della sede di Tarros viene ufficializzata la partnership tra due grandi eccellenze del territorio ligure, rappresentate nelle persone di Renato Rossi e Alberto Musso.

LA DICHIARAZIONE DI RENATO ROSSI

Renato Rossi, Presidente di Spienergy commenta: “Siamo molto contenti e orgogliosi di questa partnership con la Gran Fondo Tarros Montura. Abbiamo deciso di supportare questo evento perché si tratta di un grande festa locale e sportiva che unisce due nostre grandi passioni: il ciclismo e l’amore per il nostro splendido territorio. Da tempo conosco e stimo Alberto e non vedo l’ora di collaborare insieme a lui per far crescere sempre di più la Gran Fondo, il cui richiamo attira migliaia di appassionati non solo liguri.”

In occasione della Gran Fondo Tarros Montura, in programma il prossimo 25 marzo, Spienergy premierà i migliori atleti maggiormente distinti ai quali verrà regalata l’energia elettrica sulla fornitura delle loro abitazioni.Alcuni premi saranno destinati in modo specifico per atleti locali. “Un gesto concreto di attenzione e gratificazione per chi si impegna ogni giorno per eccellere – esattamente come facciamo noi”conclude Renato Rossi.

ALBERTO MUSSO SULLA PARTNERSHIP

Alberto Musso, CEO di Tarros e da sempre nel board decisionale della Gran Fondo, commenta con queste parole la nuova partnership: “Sono estremamente soddisfatto che un’altra importante eccellenza del territorio ligure si unisca a noi per questo progetto. Conosco professionalmente Renato e sono un suo cliente da molti anni ormai; poter unire le nostre forze per una passione comune, quella delle due ruote, mi rende grato e mi permette di guardare al futuro di questo evento in modo positivo. Partire dal territorio in cui operiamo per diventare sempre più un punto di riferimento a livello locale, nazionale e internazionale, rappresenta la grande sfida che l’unica Gran Fondo delle 5 Terre si prefigge di raggiungere”. 

Il primo appuntamento ciclistico targato Spienergy in vista della Gran Fondo del 25 marzo 2018, è la pedalata di sopralluogo del percorso ufficiale in programma giovedì 22 febbraioDamiano Cunego, il campione del team NIPPO Vini Fantini Europa Ovini, sarà il “capitano” della giornata, guidando tra le strade delle 5 terre tutti gli appassionati che prenderanno parte all’evento.

  • By Nevio Longo  0 Comments   
On gennaio 29, 2018

Environmental Performance Index: Italia 16esima in sostenibilità


Tutti europei i primi cinque posti: dopo la Svizzera ci sono Francia, Danimarca, Malta e Svezia La regina della sostenibilità mondiale è la Svizzera, mentre l'Italia, sedicesima nel mondo, fa meglio anche di Olanda e Usa. È quanto emerge dall'Indice di sostenibilità ambientale 2018 (Environmental Performance Index, EPI) presentato a Davos al World Economic Forum, che collabora al report realizzato dalle università di Yale e Columbia. Il dossier, pubblicato ogni due anni, classifica 180 Paesi del globo sulla base di 24 indicatori in 10 categorie, che riguardano la salute ambientale e la vitalità degli ecosistemi. Una sorta di "pagella verde", che assegna lo scettro alla Svizzera, seguita da Francia, Danimarca, Malta, Svezia.

Fonte: E-Gazette

  • By Nevio Longo  0 Comments   
On gennaio 20, 2018

Consumi elettrici +2% nel 2017


E' il valore più alto dal 2013. Dato provvisorio 320,4 TWh, +2,3% a parità di calendario. Balzo del solare (+14%) e del termico (+4,6%) nonostante il calo delle biomasse, nuovo tonfo dell'idro (-14,3%). A dicembre domanda +1,7% con due giorni lavorativi in meno ma temperature più basse. A fine anno l'eolico vola anche in Italia (+50,4%). Secondo i primi dati provvisori di Terna, il totale dell'energia elettrica richiesta in Italia nel 2017 ammonta a 320,4 miliardi di kWh che rappresenta il valore più alto dal 2013. Nel corso del 2017 la domanda è stata soddisfatta per l'89% con la produzione nazionale, quota in linea con il 2016 e in aumento in termini di volumi dell1,9% a 285,12 TWh, e per il restante 11% con il saldo con l'estero, con importazioni in flessione dello 0,7% e esportazioni in calo del 16,6%.

Fonte: Staffetta Quotidiana 

  • By Nevio Longo  0 Comments   
On gennaio 20, 2018

il gas & power nel 2017

Prezzi all'ingrosso in aumento, spesso più che nei maggiori mercati europei, ulteriore ripresa della produzione a gas con margini di generazione in miglioramento, correlazione sempre più forte tra mercati elettrici e gas e un possibile nuovo record storico delle importazioni di metano dalla Russia. Questi alcuni degli elementi salienti che emergono dai dati sui settori power e gas naturale nell'anno appena concluso. Nel 2017, anno in cui si è rivisto il segno più sia sui consumi gas (+6,1%) che elettrici (+2%) - dopo la crisi del 2008 era successo solo due volte, nel 2010 e nel 2015 - anche i prezzi hanno rialzato la testa, e non poco. Il prezzo unico di acquisto sulla borsa elettrica ha riguadagnato un 26,1%, pur confrontandosi con un 2016 al minimo storico, e così quello del gas spot sulla piattaforma PSV, in aumento del 27,4% a 19,96 euro per MWh. 19. Entrambi gli aumenti si inscrivono in una dinamica comune a molti paesi europei.

Fonte: Staffetta Quotidiana 

  • By Nevio Longo  0 Comments   
On gennaio 16, 2018

Gas, continua la corsa degli stoccaggi


Da una settimana erogazioni dalle scorte “doppiano” l'import dalla Russia. Prosegue la corsa delle erogazioni dagli stoccaggi di gas italiani, iniziata nei primi giorni di gennaio e che nell'ultima settimana ha visto le scorte a fornire il doppio del gas rispetto a quello importato dall'ex Urss. Nella settimana tra l'8 e il 15 gennaio dagli stoccaggi è arrivato un 35% circa dei consumi totali. Le scorte hanno fornito nel periodo una media di oltre 82 mln mc. La ragione di questa dinamica inusuale è con ogni apparenza commerciale, con gli shipper che stanno limitando i prelievi a Tarvisio per consentire il massimo utilizzo possibile degli stoccaggi. Il tutto mentre le altre fonti risultano sostanzialmente in linea con le ultime settimane.

Fonte: Staffetta Quotidiana 

  • By Nevio Longo  0 Comments   
On gennaio 11, 2018

La corsa del petrolio ai massimi da tre anni


Non si arresta la corsa del prezzo del petrolio. Un rally che ha colto di sorpresa non pochi osservatori spingendo le quotazioni del Brent alla soglia dei 70 dollari al barile, il livello più alto dal maggio 2015. Stessa dinamica per il Wti che si è portato sopra i 63 dollari, al top dal dicembre 2014. C’era molta attesa ieri per la diffusione del dato sulle scorte Usa da parte dell’Eia. Gli stock di greggio sono calati nell’ultima settimana di 4,9 milioni di barili, ben al di sopra delle aspettative (3,5 milioni). In compenso le giacenze di benzine sono cresciute di 4,1 milioni di barili e quelle di distillati di 4,2 milioni, ambedue sopra le attese. I dati non hanno scosso più di tanto le quotazioni che restano ben impostate da settimane: tra i fattori di sostegno le tensioni geopolitiche e i segnali positivi che arrivano dalla crescita economica mondiale.

Fonte: Sole 24 Ore 

  • By Nevio Longo  0 Comments   
On gennaio 10, 2018

Mercato elettrico intraday Ue, si parte il 13 marzo

Nuovo passo avanti nell’integrazione dei mercati elettrici europei. Il prossimo 13 marzo sarà lanciata infatti la soluzione Cross-border intraday e scatterà il go-Live di 10 progetti locali di implementazione, con la prima consegna prevista il 14 marzo. Il go-live riguarderà il trading di elettricità in continuo tra Austria, Belgio, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Lettonia, Lituania, Norvegia, Olanda, Portogallo, Spagna e Svezia. Per gli altri Paesi europei il go-live è previsto nella primavera del 2019. La data del 13 marzo, avverte la nota, è comunque soggetta al completamento dei test e dell’Intraday Operational Agreement.

Fonte: Quotidiano Energia 

  • By Nevio Longo  0 Comments   
On gennaio 10, 2018

Il fotovoltaico italiano nel 2018

Gli operatori del settore fotovoltaico sono impegnati a capire come si muoverà il mercato italiano, quali potranno essere le condizioni regolatorie, cosa potrà succedere nel dopo-elezioni: in definitiva se si potranno aprire nuove opportunità e rilanciare l’intero comparto anche a livello nazionale. Mentre esiste un’attesa e un crescente interesse per il mercato dei nuovi impianti, si mostra particolarmente attivo quello che ha per oggetto l’insieme degli impianti installati. Non si può, tuttavia, tentare di definire un quadro di riferimento esterno per l’anno in corso, senza sottolineare la particolare “congiuntura” politica in cui ci troveremo nei prossimi mesi: elezioni il 4 marzo, rinnovo delle cariche di vertice dell’Authority, conferma o rinnovo del vertice del Gse.

Fonte: Quotidiano Energia 

  • By Nevio Longo  0 Comments   
On gennaio 3, 2018

Trading, parte MiFID II

Con un anno di ritardo rispetto a quanto previsto inizialmente, sono entrati in vigore oggi nei 31 Paesi dello Spazio economico europeo (See, i 28 membri Ue più Islanda, Liechtenstein e Norvegia) la direttiva 65/2014 (“MiFID II”) e il relativo regolamento 600/2014 ("MiFIR"). La MiFID II (recepita in Italia con il D.Lgs 129/2017) amplifica il raggio di azione di MiFID I, entrata in vigore 10 anni fa, introducendo una maggiore trasparenza nei mercati finanziari. Il campo d’azione della direttiva copre la fornitura dei servizi di investimento, le esenzioni, i requisiti organizzativi, le norme di condotta, le autorizzazioni, gli obblighi per i fornitori di servizi di dati, il ruolo delle autorità competenti e le sanzioni. Il regolamento MiFIR regola per parte sua la “disclosure” dei dati sulle negoziazioni, l’eliminazione delle barriere all’ingresso delle “stanze di compensazione”, la negoziazione obbligatoria di derivati presso sedi organizzate e le attività di vigilanza.

Fonte: Quotidiano Energia

  • By Nevio Longo  0 Comments   
On gennaio 2, 2018

Gas, nel 2017 consumi in aumento del 6,1% a 74,7 mld mc

Crescono tutti i settori, in maniera significativa termoelettrico e grande industria I consumi totali sono tornati non troppo lontani dai livelli del 2003. Aumenta la dipendenza dall'estero: Russia resta primo fornitore, stabili le importazioni dall'Algeria, in crescita Nord Europa, in flessione la Libia. Continua il grande recupero della domanda di gas naturale per generare energia elettrica, che ha supplito alle gravi difficoltà dell'idroelettrico e al calo delle importazioni. In significativa ripresa anche i consumi della grande industria. In crescita i flussi di gas dalla Russia. Continua la ripresa dei consumi di gas naturale in Italia. Nel 2017 sono aumentati del 6,1% rispetto al 2016 e di ben l'11,6% sul 2015, anno di rottura di una lunga tendenza di contrazioni.

Fonte: Staffetta Quotidiana

  • By Nevio Longo  0 Comments